Secondo la Corte di Cassazione, il giudizio sull’inerenza di un costo è qualitativo e non quantitativo

Sotto il profilo dell’inerenza del costo sostenuto, l’art. 109, comma 5, del TUIR, dispone che le spese e gli altri componenti negativi sono deducibili se e nella misura in cui si riferiscano ad attività o beni da cui derivino ricavi o altri proventi che concorrano a formare il reddito o che non vi concorrano in quanto esclusi.
Spesso l’Amministrazione finanziaria notifica, alle imprese, degli avvisi di accertamento contestando l’indeducibilità di un costo per difetto dell’inerenza, poiché, dalla stessa, ritenuto antieconomico/non congruo.
Ed, invero, secondo l’Agenzia delle Entrate un costo difetterebbe del requisito dell’inerenza se sproporzionato al correlativo ricavo (ritorno dell’investimento).
Tale orientamento erariale è stato recentemente smentito dalla Suprema Corte di Cassazione con la Sentenza n. 6368 del 2021, depositata in data 08.03.2021.
Secondo i giudici di legittimità, il giudizio sull’inerenza ha “carattere qualitativo e non quantitativo”.
Nello specifico, ciò che conta, ai fini del giudizio sull’inerenza, è la correlazione tra il costo e l’attività imprenditoriale nel suo complesso e non la correlazione tra il costo e il ricavo.
In altri termini, un costo è inerente quando non è estraneo all’attività d’impresa.
Conseguentemente, sono inerenti, pur se antieconomici, tutti i costi sostenuti per l’esercizio dell’attività imprenditoriale; e, quindi, anche le spese sostenute per attività preparatorie o future e di potenziale proiezione dell’impresa.

L’Autore:
AVV. Anna Maria Conti

Passaggi generazionali e esenzione dell’imposta di donazione: approfondimento sulla nozione di controllo di diritto di cui all’articolo 3, comma 4 ter, del D.Lgs. n. 346/1990Il regime di esenzione dai tributi per gli acquisti di immobili da parte degli under 36, previsto dal c.d. decreto Sostegni bis, non si applica in sede di registrazione del contratto preliminareLa tassazione dei dividendi di fonte estera distribuiti al socio persona fisica residente fiscalmente in ItaliaRegime OSSSanzioni per compensazioni indebite la Cassazione e l’Agenzia delle Entrate alimentano incertezze sui crediti ricerca e sviluppo